Palermo, nuove regole per i ricoveri al Civico

A gestire il sistema saranno i medici del pronto soccorso attraverso un programma informatico. Il commissario straordinario: “Così vogliamo ridurre le attese ed evitare disagi”

PALERMO. Cambiano le regole per i ricoveri all’ospedale Civico di Palermo. Da stamattina saranno “governati” dai medici del pronto soccorso e dal responsabile dell’Unità Operativa di Pronto Soccorso e Medicina d’urgenza, Vito Sparacino, che gestiranno tutti i posti letto disponibili all’ospedale. Ogni mattina, entro le 10, attraverso un programma informatico, i caposala delle Unità Operative comunicheranno al pronto soccorso i posti letto liberi e quelli occupati nei reparti. L’obiettivo è avere un quadro definito, aggiornato al momento ogni 24 ore, ma presto disponibile in tempo reale, dei posti disponibili per i ricoveri programmati e per quelli urgenti.
In sostanza i ricoveri all’ospedale Civico vengono “decisi” dai medici del pronto soccorso, o dall’ ufficio accettazione, dopo avere ottenuto l’autorizzazione del responsabile dell’Area d’Emergenza. Con questo sistema, per ora in un fase sperimentale e di rodaggio, si eviterà che al pronto soccorso stazionino per ore pazienti in condizioni critiche o gravi, e si contribuirà ad accelerare il trasferimento nelle varie unità operative.
Alcune deroghe sono possibili in casi specifici, per esempio per i pazienti affetti da alcune patologie  che abbiano necessità di ricoveri urgenti  e siano stati visitati dai medici dei reparti senza essere passati dal pronto soccorso. In questi casi il ricovero sarà possibile direttamente in reparto, ma solo dopo che i casi siano stati “approvati” dal responsabile del pronto soccorso.
Per il commissario straordinario, Carmelo Pullara, “con questo intervento di tipo organizzativo-gestionale che realizza una centralizzazione dei ricoveri, vogliamo ridurre i tempi di degenza, velocizzare le dimissioni dei pazienti, e decongestionare il più possibile il pronto soccorso”. Rimangono temporaneamente sospesi i ricoveri programmati, tranne che per le unità operative di Ostetricia e Ginecologia, Terapia intensiva neonatale e Onco-ematologia Pediatrica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati