Sicilia, Cultura

Sanremo, Gualazzi vince tra i giovani

Nei big eliminati Tricarico e Max Pezzali. Nella quarta serata Luca e Paolo grandi protagonisti. Super ospiti Robert De Niro e Monica Bellucci, che con la sua bellezza ha stregato Morandi

SANREMO. Dopo un Benigni a cavallo che dà lezione agli italiani e che fa brillare gli ascolti, a vincere la categoria giovani è Raphael Gualazzi che si aggiudica anche il premio della critica “Mia Martini” e quello della Sala Stampa Radio Tv. Avaro di parole ma non di musica buona:  vince a pieni voti per la sezione giovani con la sua canzone “Follia d’Amore”, di andamento jazzistico, accompagnato dalla magica tromba di Fabrizio Bosso. Un bellissimo ensemble di jazz, fusion e blues. Si aggiudica lo storico “Leone d’argento”, premio molto importante per lui, ma non il primo, perché  già notato dalla critica musicale. A seguire, Micaela, Amadè e Serena Abrami.
Per i big, invece, è la serata delle eliminazioni: ad uscire di scena definitivamente, Tricarico e Max Pezzali, nonostante in coppia rispettivamente con Il Coro Silasol, diretto da Antonella Prospato,  e Lillo e Greg. È stata perlopiù la serata dei duetti. Un vero clan quello de “L’alieno” di Luca Madonia, che si fa accompagnare da due suoi cari amici di belle chiacchierate e buona musica, e di Giusy Ferreri che fa “vibrare” la sua voce con Francesco Sàrcina. A salire sul palco anche l’agrigentina Loredana Errore per duettare con Anna Tatangelo. Un insieme di “più voci” che uniscono le loro esperienze, anche diverse. Come teatro e musica per Al Bano, grazie all’interpretazione di Michele Placido. Tanti gli applausi per il professore: un Vecchioni che si fa accompagnare da una PFM come al solito in piena forma. “Arriverà” un suadente Francesco Renga a sancire il successo del duo Modà-Emma. Bell’arrangiamento quello di La Crus con Nina Zilli, e di Van De Sfroos con Irene Fornaciari. E Nathalie sale sul palco con L’Aura, mentre Luca Barbarossa e Raquel del Rosario con Neri Marcorè.
A far visita al “salotto di casa Italia”, ieri sera, la bellissima Monica Bellucci che “non ha paura di invecchiare” e che mette in mostra una parte di sé, mentre sul palcoscenico arriva lui, il “toro scatenato” Robert De Niro che, parlando del suo nuovo film “Manuale d’amore3”, cita anche la nostra bella Taormina, intervistato e tradotto da una Canalis sicura. E sono saliti sul palco anche i tanto attesi Thake That, cha cantano, per la gioia dei fan, “The flood”.
Non sono mancate le gaffe: l’accento sbagliato della Canalis crea un po’ di imbarazzo, anche perché a correggerla è Belen; ma si sa, ad Elisabetta si perdona tutto. Non tarda la Rodriguez a ricambiare il “trend”: “Gianni, scendimi”, ed è risata generale.
Ma al momento più esilarante della serata ci hanno pensato  Luca e Paolo che, con la loro parodia in chiave politica “Uno su mille”, dipingono il quadro della sinistra italiana, seduti amabilmente a un tavolino, tra una partita di scacchi e un bicchiere di vino. Il duo è la vera rivelazione di Sanremo 2011: in tutte le serate,  sono stati mattatori di ilarità e ironia. E certo si sa, “le belle ragazze piacciono a tutti”, dicono: l’importante è che arrivi “uno che unisca le diversità”, ma che “per aiutare l’opposizione,  non diventi comunista”.
Cosa ci riserveranno stasera?

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati