Il muro rosanero non regge a Bologna