Sicilia, Cronaca

Cuffaro, il difensore: in corso processo fotocopia

L'avvocato Nino Mormino: "In questo giudizio stiamo lavorando sullo stesso materiale probatorio su cui abbiamo lavorato nel processo comunemente noto come ' talpe alla Dda'"

PALERMO. "In questo giudizio stiamo lavorando sullo stesso materiale probatorio su cui abbiamo lavorato nel processo comunemente noto come ' talpe alla Dda'". Nell'ultima udienza del processo per concorso in associazione mafiosa all'ex governatore siciliano Salvatore Cuffaro, il suo legale, l'avvocato Nino Mormino, ha puntato principalmente sulla tesi del "giudizio fotocopia".
In sostanza, a dire del penalista, i fatti contestati al suo cliente nel processo per concorso sarebbero identici a quelli che gli sono costati una condanna a 7 anni per favoreggiamento alla mafia, ormai definitiva. Il difensore di Cuffaro sta controreplicando alle argomentazioni dei pm che hanno chiesto la condanna dell'imputato a 10 anni di carcere.
Il giudizio, che oggi si dovrebbe concludere con la sentenza, si svolge in abbreviato davanti al gup di Palermo Vittorio Anania. All'argomentazione che quello in corso davanti al gup è un processo fotocopia, che cozza col principio del "ne bis in idem", si aggiungono poi le specifiche contestazioni delle tesi dei pm. Mormino ha messo in dubbio la "forza" delle dichiarazioni di pentiti come Nino Giuffré che, secondo il legale, non ha mai detto che la mafia votò Cuffaro perché con lui il boss Provenzano aveva stretto un patto elettorale.
"Giuffré - ha spiegato il difensore - ha raccontato che in Cosa nostra si parlò di appoggiare l'ex governatore perché era un candidato con ottime chance di vincere". Duro poi il legale nei confronti dei collaboratori agrigentini Maurizio Di Gati e Ignazio Gagliardo "mai riscontrati" e nei confronti del teste Massimo Ciancimino sulla cui attendibilità, secondo Mormino, grava l'accusa di calunnia mossagli dalla Procura di Caltanissetta. Inoltre, per l'avvocato, non c'é alcuna prova che Cuffaro ebbe rapporti col boss Provenzano tramite il capomafia Giuseppe Guttadauro. "Nelle infinite intercettazioni fatte a casa di Guttadauro - ha detto - non è mai venuto fuori di suoi rapporti con l'ex governatore".
"Guttadauro - ha aggiunto - riceveva a casa sua mafiosi, ma non ha mai neppure millantato con loro di avere relazioni con Cuffaro". Ampia parte delle controrepliche hanno riguardato poi le presunte fughe di notizie su indagini in corso che Cuffaro, secondo i pm, avrebbe fatto a vantaggio delle cosche. Il legale ha definito "occasionale" l'informazione data da Cuffaro all'ex assessore comunale Miceli su una microspia piazzata a casa di Guttadauro. "Notizia appresa da Cuffaro a Roma – ha spiegato il penalista - e divulgata occasionalmente, senza cioè che ci fosse il progetto di avvantaggiare l'organizzazione mafiosa".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati