Palermo, bene confiscato diventa campus scolastico

La struttura in via Ugo La Malfa: ospiterà l’Accademia del turismo e tre istituti indirizzati alla formazione di figure professionali nel campo alberghiero

PALERMO. Un Campus scolastico a indirizzo turistico alberghiero verrà realizzato in un complesso immobiliare confiscato alla mafia nel quartiere San Lorenzo Colli, in via Ugo la Malfa, a Palermo. La cerimonia di consegna alla provincia di Palermo si è svolta oggi grazie a un accordo tra ministero dell'Istruzione e Provincia con il progetto "Più scuola, meno mafia".     
L'immobile è stato confiscato un sentenza della Corte d'Appello nel 2001 al costruttore Francesco Paolo Sbeglia. Nel complesso, secondo il progetto preliminare, nascerà un polo scolastico capace di ospitare oltre all'Accademia del turismo, tre istituti indirizzati alla formazione di figure professionali nel campo turistico alberghiero. Nella struttura troverebbero posto oltre 3.300 alunni con la realizzazione di 135 classi, 30 laboratori otto aule multimediali, tre biblioteche sei sale ginniche e, tra gli altri un Auditorium da 400 posti. Gli istituti coinvolti sono l'Ipsar Cascino, il professionale Salvemini e l'Istituto turistico Marco Polo. Il campus sarà inoltre cablato e dotato di tecnologia Wi-Fi con un costo previsto per la trasformazione integrale di quasi 40 mila euro. "Il protocollo di intesa tra il ministero dell'Istruzione dell'università e della ricerca e l'agenzia per il demanio ha previsto la nascita del progetto 'Più scuola, meno mafia’, coinvolgendo oltre la Sicilia anche Calabria, Campania e Puglia - ha detto Maria Fedele, referente nazionale per la Legalità del ministro dell'Istruzione. L'obiettivo è restituire una risorsa al territorio e creare occupazione dando uno sbocco concreto ai ragazzi sicilani che sempre piu spesso vanno via dal proprio territorio per cercare una occupazione".  La convenzione che ha reso possibile la consegna dell'immobilile è stata firmata il 23 maggio scorso in concomitanza con l'anniversario della Strage di Capaci dal presidente della Provincia di Palermo, Giovanni Avanti, e dal ministro dell'Istruzione Maria Stella Gelmini.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati