Immigrazione, a Lampedusa sbarchi anche all'alba

Le imbarcazioni continuano ad arrivare al porto. Altri clandestini intercettati nella notte

LAMPEDUSA. Ancora sbarchi a Lampadusa. L'ennesimo barcone è arrivato nel porto dell'isola questa mattina. Un centinaio di immigrati sono stati trasbordati ieri sera su una motovedetta della guardia costiera, 17 miglia a largo di Lampedusa: subito dopo l'imbarcazione su cui si trovavano è affondata. Si tratta di uno degli ultimi tre barconi avvistati dalla guardia costiera nelle ultime ore. Anche una quarta imbarcazione, avvistata dalla guardia di finanza, ha ormeggiato con un numero imprecisato di clandestini a bordo.
Da mezzanotte ad ora sono quasi mille, per la precisione 977, le persone sbarcate sull'isola di Lampedusa a bordo di diverse imbarcazioni. Lo ha detto il comandante della locale Capitaneria di porto Antonio Morana. Sulla banchina del molo Favaloro, sono centinaia gli immigrati che stazionano in attesa di essere comportati in diverse strutture di accoglienza per poi, come avvenuto in questi giorni, essere trasferiti altrove via aereo o nave.
Tra gli immigrati sbarcati nelle ultime ore, tutti provenienti dalla Tunisia, anche tre donne. "Per noi è diventato impossibile vivere là: ci sono violenze, rapimenti e non si capisce più chi comanda. Il paese è allo sbando", ha detto una delle tre, spiegando di essere partita la sera prima. Tutte hanno affermato di voler raggiungere la Francia dove si trovano dei loro parenti. Le tre donne facevano parte degli oltre 100 extracomunitari che sono stati salvati stanotte da una motovedetta della Guardia Costiera, circa 17 miglia a largo di Lampedusa: si trovavano su un barcone in difficoltà, che imbarcava acqua, e che è affondato subito dopo che gli stranieri erano stati trasbordati sulle unità della Capitaneria di porto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati