Ambulante si dà fuoco dopo il sequestro, il medico: è gravissimo

E' in condizioni disperate Noureddne Adnane, il marocchino di 28 anni che si è incendiato in via Ernesto Basile, a Palermo, dopo il blitz dei vigili urbani

PALERMO. E' in condizioni disperate Noureddne Adnane, l'ambulante marocchino di 28 anni, che ieri si é dato fuoco davanti a una pattuglia di vigili urbani che gli stava sequestrando la merce, in via Ernesto Basile, a Palermo.
L'uomo è ricoverato nel reparto grandi ustioni dell'ospedale Civico. "Ha ustioni di terzo grado sull'80% del corpo - dice Giuseppe Caputo, responsabile della divisione di Chirurgia plastica e centro ustioni del Civico -. Il ragazzo è cosciente e vigile". Il marocchino ha il volto ustionato ed è irriconoscibile. "Risponde bene alla terapia rianimatoria - aggiunge il medico - ma questo non è un segnale positivo, nel senso che rimane in pericolo di vita. Gli organi respiratori sono compromessi".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati