Solo utilitarie per neopatentati

Scattati i limiti disposti dal nuovo codice della strada per chi inizia a guidare. I vincoli validi per il primo anno. Per i primi 3 anni, inoltre, non sarà possibile superare i 100 km/h in autostrada e i 90 km/h sulle strade extra urbane

ROMA. Entrati in vigore da ieri i nuovi limiti per i neopatentati disposti dal nuovo codice della strada. Chi ha conseguito la patente da meno di un anno non potrà mettersi alla guida di veicoli con potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW per tonnellata. Vincoli anche per i mezzi di categoria M1, quelli previsti per il trasporto di 8 persone, che non potranno superare i 70 kW. Per i primi 3 anni, inoltre, non sarà possibile superare i 100 km/h in autostrada e i 90 km/h sulle strade extra urbane.
L'obbligo di attenersi ai limiti di potenza dura per un anno dalla data di conseguimento della patente (vale anche per chi ha preso la patente a 40 anni o l'ha conseguita a seguito della perdita totale dei punti).
La 'tara' è la massa del veicolo vuoto più quella del conducente, che per definizione si assume in 75 kg. Il rapporto potenza/tara si ottiene dividendo la potenza in kW per la tara in tonnellate; per i veicoli immatricolati prima del 4/10/2007 i dati della potenza e della tara sono riportati sulla carta di circolazione. Gli addetti ai lavori sottolineano come, almeno per i primi tempi, toccherà risalire alla tara con la calcolatrice in mano perché sulla questione c'é poca informazione da parte delle case automobilistiche. A complicare ulteriormente le cose c'é il fatto che il risultato del calcolo potenza/tara deve essere accurato fino al terzo decimale. Perciò, se è anche solo di 55,001 kW/tonnellata, la vettura non può essere guidata dal neopatentato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati