Sicilia, Politica

Unioni civili in Sicilia, firma anche l’Udc

Il ddl, che ha come primo firmatario il deputato Pino Apprendi (Pd), è stato sottoscritto da Mpa. Il testo è stato condiviso anche da Campagna del Pdl e Aricò di Fli

PALERMO. C'é anche la firma dell'Udc nel disegno di legge col quale un gruppo di deputati dell'Assemblea regionale siciliana, in maniera trasversale, intende dotare la Sicilia di una norma per riconoscere le unioni civili, "rifiutando qualsiasi discriminazione legata all'etnia, alla religione e all'orientamento sessuale".
Il ddl, che ha come primo firmatario il deputato Pino Apprendi (Pd), è stato sottoscritto anche dal capogruppo dell'Udc, Giulia Adamo, e dal capogrupo del Mpa, Francesco Musotto. Il testo, composto da un solo articolo, è stato già assegnato alla commissione Affari istituzionali, "ed è stato condiviso anche dai deputati Alberto Campagna del Pdl e Alessandro Aricò di Fli", ha spiegato Apprendi in conferenza stampa, assieme ad Adamo e Musotto, per presentare il provvedimento.
Nell'art. 1 del ddl si legge: "La Regione riconosce le formazioni sociali, culturali, economiche e politiche nelle quali si promuovono la personalità umana e il libero svolgimento delle sue funzioni e attività e riconosce altresì ogni forma di convivenza, rifiutando qualsiasi discriminazione legata all'etnia, alla religione e all'orientamento sessuale". E' prevista l'istituzione dell'elenco regionale delle unioni civili presso l'assessorato regionale alla Famiglia.
"Il ddl - ha sottolineato Apprendi - nasce all'indomani del Gay Pride di Palermo. Ho incontrato tante associazioni e questa norma risponde alle esigenze rappresentate da coppie conviventi eterosessuali e omosessuali". La scelta di non inserire nel testo il termine famiglia sostituendolo con "formazione" è stata assunta "perché vogliamo approvare questa legge e non perdere del tempo". "Siamo convinti che in aula ci sarà un ampio dibattito e che la norma sarà condivisa", ha aggiunto Musotto.
Adamo riunirà il gruppo dell'Udc per discutere il provvedimento, "ma sono certa che non ci saranno problemi". "Ho aderito all'Udc - ha spiegato il capogruppo all'Ars – per l'apertura fatta da Casini al mondo laico con l'obiettivo di mettere insieme i valori laici con quelli cattolici. E poi sui temi etici il 'Nuovo polo' lascia piena libertà di coscienza".
"L'Udc - ha proseguito Adamo - ha avuto la forza di voltare pagina, lasciando andare via esponenti politici che avevano valori non condivisibili e che ponevano al centro delle questioni il clientelismo".
"L'onorevole Giulia Adamo ha firmato il ddl per il riconoscimento delle unioni civili a titolo del tutto personale. Le posizioni dell'Udc su questo tema sono note e non ricalcano in alcun modo quelle espresse all'interno del disegno di legge del deputato del Pd Apprendi". Ha precisato poi in una nota il coordinatore regionale dell'Udc, Gianpiero D'Alia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati