Agrigento, il decesso di Antonella Alfano avvolto nel mistero

La donna, morta sabato in un incidente stradale, secondo gli investigatori potrebbe essere stata inseguita. Domani l'esame autoptico svelerà i primi particolari

AGRIGENTO. Nessun segno di frenata sull'asfalto, un elemento sufficentemente valido per poter pensare che il decesso di Antonella Alfano, non sia avvenuto, come pensato in un primo tempo per evitare un animale.
La donna, di trentatrè anni è deceduta sabato a causa di un incidente avvanuto in via Papa Luciani ad Agrigento, con la sua Fiat 600 è finita nel bosco sottostante, la macchina ha preso subito fuoco e per la vittima non cì stato nulla da fare.
Sulla vicenda che si sta tingendo di "giallo" sono al lavoro gli investigatori che stanno vagliando ogni tipo di ipotesi, fino a quella, che a questo punto, potrebbe essere verosimile, che Antonella potrebbe essere stata inseguita da qualcuno. Una delle tante possibili piste, e per questa ragione amici e partenti della vittima, stanno rispondendo da sabato, giorno del decesso, alle domande degli investigatori.

La vicenda, coordinata dal procuratore aggiunto di Agrigento Ignazio Fonzo e dal sostituto Giacomo Forte, è stata affidata anche ai carabinieri, che per primi sono interventi sabato sul luogo del drammatico incidente che è costato la vita alla giovane donna, che lascia una bambina di dieci mesi.
Domani l'esame dell'autosia emmetterà i primi punti fermi della triste vicenda

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati