Tre camion distrutti in un incendio doloso

L'episodio a Castelvetrano, nel Trapanese. I mezzi coinvolti erano della ditta di calcestruzzi "Selinunte srl"

CASTELVETRANO. Un incendio doloso, la scorsa notte, ha distrutto tre camion della ditta di calcestruzzi 'Selinunte srl', a Castelvetrano.  Per spegnere e fiamme sono intervenuti i vigili  del fuoco. Indagano i carabinieri.   La ditta è di proprietà di due nipoti di Rosario Cascio, l'imprenditore,  originario di Santa Margherita del Belice a cui sono stati sequestrati beni per 550 milioni di euro nell'ambito dell'inchiesta antimafia "Scacco Matto".   La "Selinunte Srl, infatti, originariamente, quando si chiamava "Calcestruzzi Clemente", apparteneva ai fratelli Rosario, Vitino e Luigi Cascio. Quest'ultimo, morto un paio di anni fa, l'aveva rilevata ed oggi la gestiscono i figli. Rosario Cascio, così come Giuseppe Grigoli (una settimana  fa condannato a 12 anni di carcere per mafia), è ritenuto dagli inquirenti il braccio economico-finanziario del boss  latitante Matteo Messina Denaro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati