Regione, ancora da sciogliere il "nodo" dei dirigenti

Giovanni Arnone, nominato al dipartimento Urbanistica nella giunta del 27 gennaio scorso, passa infatti al dipartimento Ambiente, prendendo il posto che era stato assegnato ad interim a Sergio Gelardi, che ora dirige solo l'Urbanistica e non più entrambi.

PALERMO. Due cambi "tecnici" in corsa ma ancora il puzzle dei dirigenti della Regione rimane incompleto. Giovanni Arnone, nominato al dipartimento Urbanistica nella giunta del 27 gennaio scorso, passa infatti al dipartimento Ambiente, prendendo il posto che era stato assegnato ad interim a Sergio Gelardi, che ora dirige solo l'Urbanistica e non più entrambi.
Una sostituzione che lascia ancora aperti gli scenari sul resto del puzzle, a cui si lavora dall'estate scorsa, da quando cioè sono rimaste vacanti otto caselle amministrative (con incarichi ad interim) che poco a poco vanno ad essere riempite. I finiani attendono per indicare due nomi per altrettanti incarichi vacanti: in pole position ci sarebbero Filippo Nasca, oggi dirigente intermedio all'assessorato al Turismo, e Maruzza Giacona, ex capo di gabinetto dell'assessore Nino Strano. I dipartimenti ancora da assegnare sarebbero dunque altri quattro: quello per gli interventi della Pesca (attualmente affidato a Salvatore Barbagallo), l'Istruzione e Formazione professionale (assegnato ad interim a Gesualdo Campo), la Segreteria generale di Palazzo d'Orleans (guidato temporaneamente da Giovanni Bologna) e la Ragioneria generale (attualmente in carico a Vincenzo Emanuele, che pare già destinato a guidare il dipartimento Servizi di pubblica utilità e rifiuti).


© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati