Civico, Russo: "Chieste dimissioni Allegra per tutela malato"

L'assessore alla Sanità ritorna sul caso dell'ex direttore, "licenziato" in diretta tv: "Lo ringrazio per la sensibilità dimostrata: andarsene è un gesto che gli fa onore, tanto più in un momento in cui in Italia nessuno fa cose del genere". Renato Li Donni alla guida dell'ospedale

PALERMO. "Ringrazio pubblicamente Dario Allegra per la sensibilità dimostrata con le dimissioni dall'incarico di direttore generale dell'ospedale Civico: è un gesto che gli fa onore, tanto più in un momento in cui in Italia nessuno si dimette". Lo ha detto stamattina l'assessore regionale per la Salute, Massimo Russo, nel corso di un collegamento in diretta con la trasmissione "Mattino Cinque", in onda su Canale 5.   "La mia richiesta di dimissioni era dettata - ha aggiunto - dall'esigenza di tutelare un principio fondamentale, quello della responsabilità, al quale chi esercita pubbliche funzioni, a cominciare da me, deve sempre improntare il proprio comportamento".    "E io ho il dovere di garantire che il pronto soccorso di un importante ospedale, - ha detto - anche in una condizione di oggettiva difficoltà, deve sempre, e dico sempre, garantire la dignità umana del malato".     


"Devo registrare - ha osservato Russo - che mentre in Sicilia in tanti si affannano a trovare surreali motivazioni politiche dietro la mia presa di posizione, nel resto d'Italia c'é chi invece inquadra la vicenda in modo corretto, sottolineando come in campo sanitario non si può prescindere dal rispetto della dignità umana e dell'etica professionale".        Nel frattempo, subito dopo le dimissioni di Allegra,  è arrivato un suo facente funzioni interno all’ospedale: l’assessore alla Salute Massimo Russo ha infatti applicato il regolamento e affidato al direttore sanitario Renato Li Donni la guida dell’ospedale in attesa di un commissario o di un nuovo vertice da designare. Una lunga riunione con i direttori dell’assessorato Lucia Borsellino e Manfredi Guzzardi su tutti i problemi del più grande presidio sanitario della Sicilia, alla presenza dello stesso Li Donni, e in serata l’affidamento provvisorio secondo le norme della nuova legge di riforma.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati