Convegno di medicina sull'approcio integrato alla persona

PALERMO. La salute come sinergia tra componenti fisiche, mentali e socio relazionali; modello di benessere  riconosciuto dal WHO, World Health Organization, e dalla più recente normativa nazionale. Su questo presupposto si fonda il passaggio da un approccio alla malattia di tipo Biomedico a quello Biopsicosociale, che presuppone attività di equipes multiprofessionali e una cultura dell’integrazione tra saperi.

Il primo Convegno Regionale “Approccio integrato alla Persona” - organizzato da Edi Palmeri, Anna Maria Miceli e Rita Scimè della L.A.M.B, Libera Accademia di Medicina Biologica- vuole essere un proficuo momento di incontro e confronto tra tutti i professionisti della salute e dell’aiuto: medici, infermieri, psicologi, psichiatri, sociologi, assistenti sociali che lavorano sia nel pubblico che nel privato. Con l’obiettivo di testare la diffusione dell’approccio Integrato al paziente, illustrando le esperienze più interessanti realizzate sul territorio (ad esempio le cosiddette “Fattorie Sociali“, a Catania) e facendo il punto su quanto ancora è da fare.

Parteciperanno: Francesco Cascio, presidente Ars, Marcello Tricoli, presidente Consiglio della Provincia di Palermo, prof. Giuseppe Francavilla docente di Medicina dello Sport e del Benessere, e ancora la dott.ssa Bianca Lo Bianco presidente dell’Ordine Regionale degli Assistenti Sociali, dott. Paolo Bozzaro, presidente dell’Ordine degli Psicologi, dott. Salvatore Amato, presidente  provinciale dell’Ordine dei Medici di Palermo, la LUMSA -corso di laurea in servizio sociale- con il prof. Angelo Livreri Console.
Saranno presenti referenti del Terzo Settore e dell’Associazionismo Regionale.
 
 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati