Arcore, le signore dello scandalo