Monsignor Mogavero: palese debolezza morale di Berlusconi

Intervento critico del vescovo di Mazara del Vallo nel corso di una trasmissione in radio. Duro anche padre Vincenzo Noto, giornalista e direttore della Caritas diocesana di Monreale, che pubblica un editoriale dal titolo: "Un porcile per tutti?"

PALERMO. "E' sotto gli occhi di tutti la debolezza morale del presidente del Consiglio". Lo ha detto monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, intervenuto stamattina da Algeri a "24 Mattino" su Radio 24.
"La debolezza delle diverse forme di governo - aggiunge - sta tutta nella approssimazione di coloro che governano le nazioni. Anche qui c'era parecchia corruzione, anche in Tunisia c'era una debolezza dovuta al fatto che tutte le leve dell' economia e del potere erano nelle mani del presidente, della sua famiglia e della sua potentissima moglie. In Italia i problemi sono di natura morale. Ma la radice comune è la debolezza della personalità dei governanti, la mancanza di limpidezza nella loro vita e nei loro affari". "E questo - continua - ci riporta al nodo che anche il cardinale Bagnasco ha messo in evidenza la scorsa settimana, e cioé la rilevanza degli aspetti della vita privata in chi ha dei ruoli pubblici, personaggi per i quali la vita privata non può essere considerato un accessorio o un elemento indipendente. Dalla moralità della vita ne nasce la moralità del governo, dalla immoralità della vita ne può discendere la immoralità del governo". "In Italia - conclude - credo sia sotto gli occhi di tutti la debolezza del presidente del Consiglio. Possiamo discutere sul fatto che tutto questo venga fuori attraverso delle intercettazioni che potrebbero avere per qualcuno il sapore di persecuzioni o di eccessiva ingerenza nella vita privata. Ma i fatti restano quelli che sono".


"NON RASSEGNARSI A PORCILE PER TUTTI"


L'intervento di Monsignor Domenico Mogavero, non è l'unica voce critica che si leva all'interno del mondo cattolico. La conferma arriva da un sito cattolico curato da monsignor Vincenzo Noto, giornalista e direttore della Caritas diocesana di Monreale, che pubblica un editoriale dal titolo emblematico: "Un porcile per tutti?". "Ma possiamo rassegnarci a vivere all'interno di una telenovela che vede Berlusconi sempre coinvolto e travolto da storie con piacevoli e giovani donne? Non ci sono strumenti politici e giuridici che possano ridare al nostro Paese un poco di dignità a livello internazionale?" si legge tra l'altro nell'editoriale. "Non dobbiamo e non possiamo perderci d'animo - scrive ancora mons. Noto - soprattutto non possiamo trasmettere ai giovani il messaggio che tutti sono uguali e che non c'é bisogno che facciano sacrifici per vivere dignitosamente la loro vita, tanto nel porcile c'é posto per tutti". Nel dibattito aperto dal sito intervengono intellettuali, giornalisti e anche sacerdoti, in maggioranza d'accordo con l'analisi del direttore della Caritas di Monreale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati