Agguato nell’Agrigentino, grave un bimbo di 6 anni

Lievemente feriti il fratello del piccolo e lo zio. La sparatoria ieri sera alla periferia di Sant’Elisabetta

AGRIGENTO. Un'auto supera alcune vetture  incolonnate, di ritorno da una gita in campagna, e si affianca a  una Seat Ibiza sulla quale viaggiano uno zio e i suoi due nipoti, uno dei quali ha solo sei anni. All'improvviso dal  finestrino sbuca un fucile e in un attimo una grandinata di  pallettoni investe l'utilitaria mandando in frantumi i vetri e  sforacchiando la carrozzeria. Uno dei proiettili si conficca  nella testa del piccolo Salvatore, che cade riverso in una pozza di sangue; riescono invece a scampare miracolosamente alla  tempesta di piombo il fratello maggiore del bimbo, Vincenzo, che  ha 16 anni, e lo zio, Carmelo Marotta, di 30, feriti di striscio  a un braccio e al viso.     
La sparatoria è avvenuta ieri sera alla periferia di  Sant'Elisabetta, paese dell'entroterra agrigentino considerato  uno storico feudo di Cosa nostra. Ma la Procura non sembra seguire la pista mafiosa, nonostante ci sarebbe una parentela "importante"  con un boss di spicco dell'agrigentino: Salvatore Fragapane, 54  anni, ex capo provinciale di Cosa nostra già condannato  all'ergastolo.


© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati