Amat, assunzioni per i familiari dei dipendenti morti

Il consiglio di amministrazione dellazienda trasporti di Palermo, ha approvato la proposta di regolamento che permetterà, in caso di decesso sul lavoro, di far posto a un erede

PALERMO. Il consiglio di amministrazione dell'Amat, l'azienda trasporti di Palermo, ha approvato la proposta di regolamento aziendale che permetterà, in caso di morte bianca di un dipendente dell'azienda, l'assunzione in servizio di un solo familiare della vittima, siano essi figli maggiorenni o coniuge convivente. Il provvedimento, votato all'unanimità dal Cda, necessita adesso dell'approvazione da parte del Consiglio comunale. L'ipotesi prevede l'assunzione diretta a tempo indeterminato, con contratto autoferrotranvieri, su espressa richiesta del familiare. "Il documento - afferma Mario Bellavista, presidente dell'Amat - corrisponde al preciso impegno del consiglio di amministrazione in favore dei familiari colpiti da questa immane tragedia. Abbiamo preferito regolamentare la materia per evitare di fare un provvedimento isolato e dare adito a interpretazioni errate". Il Cda ha inoltre deciso di intitolare l'officina a Francesco Franzella, l'operaio specializzato morto nell'incidente. "E' un segno di rispetto che abbiamo voluto dare alla famiglia dell'operaio deceduto - conclude il presidente dell'Amat -, e rappresenta il merito che l'azienda vuole riconoscere a chi, come Franzella, ha dedicato la propria vita con grandi meriti al lavoro".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati