Sanremo, Morandi: pronti a tutto, faremo il massimo

Alla tradizionale conferenza stampa di presentazione del Festival, il conduttore affronta con realismo la sfida che lo aspetta. Tra i super ospiti: Avril Lavigne, Robert De Niro e i Take That

SANREMO. Gianni Morandi, il capitano del Festival di Sanremo 2011, affronta con realismo la sfida che lo attende dal 15 al 19 febbraio prossimi. E alla tradizionale conferenza stampa di presentazione della manifestazione canora al casinò di Sanremo, dichiara: «Metto un pò le mani avanti. L'anno scorso gli ascolti sono andati benissimo ma c'é stata la digitalizzazione, ci sono molti canali in più. Sono molto cauto, sono pronto a tutto, pronto ad accettare qualsiasi verdetto del pubblico. Se cambiano canale hanno ragione loro. Noi teniamo i piedi per terra, siamo tranquilli, sereni. E lavoriamo bene». Fiducioso il direttore di Raiuno, Mauro Mazza: «L'anno scorso le partite dei Mondiali sono stati i programmi più visti, pensiamo che quest'anno a vincere sarà il Festival di Sanremo». E il direttore artistico, Gianmarco Mazzi: «Quest'anno siamo molto ottimisti, ma teniamo anche i piedi per terra. Quando il Real Madrid mise su una squadra per vincere tutto, non vinse. I prossimi 20 giorni danno un senso ai sei mesi precedenti», conclude riferendosi all'esperienza avuta nei cinque festival precedenti da lui seguiti.
Tra gli ospiti delle quattro serate che andanno in onda su Rai Uno, dal Teatro Ariston, Gianni Morandi conferma solo i nomi delle star presenti nelle ultime due serate. Avril Lavigne e Robert De Niro saranno i super ospiti della serata finale del Festival; mentre i Take That saliranno sul palco nella serata di venerdì. La prima serata, martedì 15 febbraio, sarà aperta dal passaggio di consegne di Antonella Clerici a Gianni Morandi, visto come un portafortuna dopo che il rito era stato consumato l'anno scorso tra Bonolis e la conduttrice. Ancora in forse la presenza di Fiorello, mentre il mercoledì, ma in orario protetto, all'Ariston arriverà la pole dance, «una danza derivata dalla lap dance», ha spiegato il direttore artistico Gianmarco Mazzi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati