Fincantieri, a Palermo secondo giorno di sciopero

Gli operai protestano davanti ai cancelli dello stabilimento. Chiedono l’affidamento di nuove commesse e la ristrutturazione dei bacini

PALERMO. Gli operai del cantiere di Palermo e dell'indotto hanno incrociato le braccia per il secondo giorno consecutivo, partecipando ad una nuova giornata di sciopero davanti i cancelli dello stabilimento. In due lettere congiunte, inviate ieri da Fim, Fiom e Uilm, ieri alla  Fincantieri ed alla Regione siciliana, i sindacati hanno chiesto l'affidamento di nuove commesse e l'accelerazione dell'iter per la ristrutturazione dei bacini. Annunciato, inoltre, scioperi ad  oltranza se non arriveranno le risposte.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati