Marysthelle: sesso con Berlusconi ma non per soldi

La soubrette di Colorado Café: mi ha aiutato a lavorare in tv e con alcune visite per mia figlia. Ad Arcore feste normali

ROMA. "Sì. Ma mai per soldi": intervistata da Repubblica Marysthelle Garcia Polanco, una delle ragazze che abitano nel residence di via Olgettina a Milano e coinvolta nella vicenda Ruby, ammette di aver avuto rapporti sessuali con Silvio Berlusconi - "un uomo elegante, generoso, brillante" - ma nega di aver mai ricevuto denaro dal premier.
"Soldi mai. Mi ha solo aiutato per alcune necessità, tipo visite mediche al San Raffaele per mia figlia che ha 5 anni, e poi mi ha dato una mano a lavorare in televisione", afferma la soubrette di Colorado Café. La donna racconta di di essere andata "cinque o sei volte" ad Arcore. "Oltre al presidente, c'erano Fede, Mora, Giorgio Puricelli e molti uomini politici" di cui non ricorda i nomi. Sulle cene, "di quello che ho letto, le orge, le donne nude, non è vero niente", sostiene. "Niente spettacolini né travestimenti, erano cene e feste normali". Polanco commenta le dichiarazioni della escort Nadia Macrì ad Annozero: "Dice che il presidente faceva entrare in una stanza sei ragazze una per volta. E chi è?! Se davvero fosse così sarebbe un compagno ideale!".
Quanto a Emilio Fede, che in una telefonata intercettata l'ha definita una persona "pericolosissima" e ha affermato che sulla sua macchina sono stati trovati un coltello e della droga, "lo querelo", dice Polanco. "Se mi avessero trovato droga e un coltello mi avrebbero fatto almeno un verbale".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati