Cadaveri carbonizzati in un vagone a Siracusa: fermato un marocchino

Le vittime quasi certamente di due cittadini extracomunitari, rinvenuti dalla polizia in un treno nello scalo merci di contrada Pantanelli. Preso dalla polizia un giovane

SIRACUSA. I cadaveri carbonizzati di due persone, quasi certamente extracomunitari, sono stati trovati dalla polizia in un vagone ferroviario nello scalo merci di contrada Pantanelli a Siracusa. Gli agenti di una "volante" sono intervenuti ieri sera, in seguito alla segnalazione di un incendio. I corpi delle due vittime, che sembrerebbero di origine magrebina, sono stati scoperti dopo che il rogo era stato domato dai vigili del fuoco. I vagoni della stazione di contrada Pantaelli vengono spesso utilizzati come rifugio per la notte da senza tetto ed immigrati. Gli investigatori stanno interrogando alcuni barboni che frequentano lo scalo merci per identificare le vittime e risalire alle cause dell'incendio.
Un marocchino di 31 anni, Meloud Charkan, è stato fermato dalla polizia a Siracusa nell'ambito delle indagini. Secondo la squadra mobile della Questura sarebbe stato lui ad appicare il fuoco al vagone dove i due stavano dormendo. Il movente sarebbe una violenta avvenuta con una delle due vittime. Il marocchino fermato è indagato per incendio doloso e duplice omicidio volontario.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati