Palermo, chiesto l'esame del dna sul cadavere trovato in spiaggia

PALERMO. Non ha ancora un nome il cadavere trovato venerdì scorso dai carabinieri su una spiaggia dell'Addaura a Palermo. I militari hanno inviato alcuni reperti al Ris di Messina per l'estrazione del dna, visto che non è stato possibile risalire alle impronte digitali dell'uomo: la lunga permanenza in mare del corpo ha infatti deteriorato i polpastrelli delle dita.
Al vaglio degli inquirenti anche le denunce di scomparsa degli ultimi mesi che, però, finora non hanno dato esito positivo.L'uomo è stato trovato vestito, ma senza pantaloni, da un
gruppo di operai. Era semisepolto dalla sabbia. L'autopsia ha stabilito che la causa della morte è stata un arresto cardiaco. Sul corpo erano presenti graffi che potrebbero essere stati
provocati dall'impatto con gli scogli del litorale. L'uomo, secondo i militari sarebbe stato trascinato sulla spiaggia dalle correnti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati