Incidenti in viale Regione, l'allarme di residenti e commercianti

Sotto accusa il provvedimento che chiude il passaggio di via Perpignano. "Già vittime dopo due mesi". Solidarietà alle vittime dal Comune

PALERMO. Da via Perpignano si alza un coro di preoccupazione: «Non vogliamo fare le Cassandre, ma lo avevamo detto». C'è rabbia per la morte di Antonino Ucciardi, travolto da un'auto mentre attraversava la strada. Un incidente al quale oggi ha fatto seguito quello di Gioacchino Caruso, morto la scorsa notte, anche lui investito in quella zona. «Sono passati solo due mesi dall'entrata in vigore del provvedimento che chiude il passaggio di via Perpignano - tuona Franco Porzio, titolare di un centro estetica della zona - e già piangiamo un morto. Non era mai accaduto perché le auto che arrivavano al semaforo erano rallentate dal transito dei veicoli che provenivano da monte e da valle. Adesso, invece, è come viaggiare in autostrada a grande velocità. Non abbiamo remore a dire che il morto di lunedì sera è il frutto di questa ordinanza».
L'assessore al Traffico, Mario Milone, non risponde alle critiche ma esprime la propria solidarietà a chi ha perso la vita.
Sul Giornale di Sicilia in edicola l'articolo di Enrica Bordonaro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati