Niente navi per la Tunisia

Sospesi i collegamenti di Grandi Navi Veloci dopo la rivolta del pane. Manifestazioni ieri a Palermo e feste per la caduta di Ben Alì

PALERMO. I sedicimila tunisini presenti in Sicilia, la seconda comunità più numerosa dopo quella romena, si sono stretti simbolicamente ai fratelli che stanno subendo la repressione. Ben due presidi e manifestazioni si sono tenuti davanti al consolato tunisino a Palermo ai quali hanno partecipato centinaia di persone, tra le quali alcuni parenti di vittime delle rivolta.
Per motivi di sicurezza la compagnia Grandi Navi Veloci ha sospeso i collegamenti in programma ieri tra Palermo e Tunisi e tra Genova e Tunisi. A mezzogiorno ieri sarebbe dovuto partire il traghetto Fantastic da Palermo e nel primo pomeriggio l'Excelsior da Genova. Il contact center di Grandi Navi Veloci, informa la compagnia, sta comunicando ai passeggeri la sospensione della linea odierna e li sta aggiornando sulle prossime partenze. Invece è giunto ieri regolarmente a Genova da Tunisi, alle 13,30, il traghetto Carthage della compagnia di Stato tunisina Cotunav.
L'articolo completo sul Giornale di Sicilia oggi in edicola.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati