Un nuovo pentito racconta il delitto De Mauro

L'ex capomafia Rosario Naimo, passato nei ranghi dei collaboratori di giustizia, ascoltato nel processo per l'omicidio del cronista de L'Ora

PALERMO. Spunta un nuovo pentito, l'ex capomafia Rosario Naimo, passato nei ranghi dei collaboratori di giustizia, due giorni dopo l'arresto, avvenuto il 27 ottobre dell'anno scorso, nel processo per l'omicidio del cronista de L'Ora Mauro De Mauro. Il giornalista venne rapito il 16 settembre del '70 e il suo corpo non e' mai stato ritrovato. Del delitto è imputato il boss Totò Riina.
Al pm Sergio De Montis, pubblica accusa al dibattimento in corso davanti alla corte d'Assise, Naimo, che deve scontare una condanna a 26 anni per mafia e traffico di droga con gli Usa, ha raccontato le confidenze ricevute nel 1972 dal mafioso Emanuele D'Agostino, braccio destro del boss di Santa Maria di Gesù Stefano Bontade. Appena ritornato dagli Stati Uniti Naimo incontrò D'Agostino che gli rivelò di avere preso parte al sequestro di De Mauro insieme ad un'altra persona di cui non sapeva il nome. I due avrebbero avvicinato il cronista fingendo di averlo scambiato per un'altra persona, poi l'avrebbero portato in un terreno - Fondo Patti - dei boss Madonia di S. Lorenzo. Sempre secondo Naimo, che riferisce le parole di D'Agostino, ad attendere De Mauro c'erano diversi mafiosi tra i quali Riina e Ciccio Madonia. Il giornalista sarebbe stato strangolato e il suo corpo sarebbe stato lasciato nel fondo per un po' di tempo e poi spostato e fatto sparire. Naimo non seppe da D'Agostino, poi morto assassinato, il movente del delitto.
Le parole di D'Agostino, riferite da Naimo, confermerebbero la tesi della procura che individua nella mafia e in particolare in Riina l'esecutore materiale del delitto che sarebbe stato, però, voluto da altri. Sui mandanti e il movente, di cui Naimo non parla, i collaboratori, nel tempo, hanno dato diverse versioni.
Francesco Di Carlo, ad esempio, che pure parla del ruolo di D'Agostino nel delitto, dice che De Mauro venne ucciso perché aveva scoperto il golpe borghese e l'alleanza stretta tra la mafia e il principe della Decima Mas. Altri collaboratori, invece, ricollegano l'omicidio alle verità scomode che De Mauro avrebbe scoperto indagando, per conto del regista Rosi, sul caso Mattei. Naimo che, nei suoi interrogatori, conferma, comunque, l'interesse di Cosa nostra nel golpe borghese, potrebbe essere chiamato a deporre al processo De Mauro. La sua citazione in aula è stata chiesta dal pm De Montis che ha depositato i verbali di interrogatorio. La corte deciderà alla prossima udienza del 21 gennaio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati