Sicilia, Moda e Bellezza

A Firenze le griffe festeggiano gli anni per Pitti Uomo

I compleanni di Trussardi, Gherardini, Pantofola d’Oro e tanti altri nella 79esima edizione di “Pitti Uomo”. E arriva anche “E-Pitti”, il nuovo progetto di fiera digitale ideato da Pitti Immagine

FIRENZE. Sono tante le aziende che festeggiano i loro anniversari a cifre tonde nella 79esima edizione di “Pitti Uomo”, a Firenze. Il primo è Trussardi che ha aperto ieri i festeggiamenti del suo centenario con una serie di eventi che vanno dalla mostra di arte contemporanea, intitolata “8 ½” e organizzata dalla Fondazione Trussardi alla Stazione Leopolda, alla sfilata del 13 gennaio nella stessa location, fino ad una festa culinaria a base di delizie proposte dallo chef del ristorante “Trussardi” a La Scala.
Gherardini, invece, ha deciso di celebrare i propri 125 anni su un'area di 100 mq dedicata alle creazioni della maison, e all'interno del padiglione Dogana ospiterà una selezione della mostra “Celebrating 125 years of style”, in cui si racconta la storia della griffe, fondata da Garibaldo Gherardini nel 1885 e partita dal negozio di via della Vigna Nuova a Firenze. La mitica piattina, le borsette da sera anni Venti e Trenta; le borse di pelle anni Cinquanta e Settanta; e anche un pezzo inedito risalente ai primi del Novecento, esposti in teche accanto ad una selezione di piccoli accessori, fotografie originali dell'epoca e una video installazione.
Anche Pantofola d'Oro celebra 125 anni di attività, con due filoni tematici: una mostra fotografica che ripercorre la storia del marchio, attraverso immagini di archivio restaurate; e un richiamo alla nascita del brand e alla figura di Emidio Lazzarini che negli anni 50 risollevò il destino della bottega di famiglia fondata dal nonno nel 1886. La scenografia, realizzata da l'Eclettico di Milano, ricrea nei locali post-industriali della Stazione Leopolda l'atmosfera di una palestra d'antan. Per coronare questo evento Pantofola d'Oro ha realizzato una speciale scarpa commemorativa in edizione limitata, ideata nel 1934 per la lotta libera, e poi riproposta nel ‘44 e oggi: altezza alla caviglia, fondo antiscivolo, e due versioni in canvas o vitellino anticato.
Barbour celebra il 75esimo compleanno con la capsule Barbour Steve McQueen, collezione a tiratura limitata a base di giubbotti nei modelli che piacevano al divo. E ancora, Fumagalli compie 120 anni con le sue celebri cravatte in nuove versioni; Luciano Barbera festeggia i suoi primi 40 anni con capi in lane pregiate in stile anni '30, '40 e '70. Edwin spegne 50 candeline con una collezione speciale prodotta in Giappone a base di cotone organico; Alberto Guardiani compie 30 anni con una collezione antologica delle sue celebri calzature. Infine Allegri spegne 40 candeline.
Intanto, sempre nel corso della 79esima edizione di Pitti uomo, promossa dai vertici di Pitti Immagine e dal sindaco, Matteo Renzi, arriva “E-Pitti”: il nuovo progetto di fiera digitale unico al mondo. «E-Pitti non sostituirà il salone, ma lo affiancherà e ne prolungherà la durata nel tempo permettendo ai buyers di continuare a fare acquisti anche a chiusura delle fiere», precisa Gaetano Marzotto, presidente di Pitti Immagine. «Il progetto - aggiunge Raffaello Napoleone, di Pitti Immagine e presidente di Fiera Digitale - coinvolgerà centinaia di aziende espositrici. La piattaforma sarà completata e pubblicata in rete una settimana dopo il termine della manifestazione. Per tutti gli espositori che parteciperanno verranno realizzate versioni digitali dei loro stand».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati