La morte della fiera di Palermo

Ci avevano garantito tutto l’impegno possibile per salvarne lo status giuridico, organizzando un evento all’altezza entro la fine del 2010. Ma (naturalmente...) non se n’è fatto niente. E così la Fiera del Mediterranero è morta. Seppellita sotto la pesante coltre dell’indifferenza e della malagestione, degli interessi di parte e del rimpallo delle colpe. Un pezzo di Palermo che si dissolve, consegnandosi mestamente alla storia in una pagina scritta in tempi grigi e grami. E adesso ci si trastulla sulla lapide del defunto: magari per raccoglierne qualche scampolo di eredità, ché chi muore in fondo lascia sempre qualcosa a chi vive e magari (dateci pure dei cattivi o dei cinici) ne aspetta la dipartita, facendo bene i propri calcoli.
Già, perché adesso c’è da capire che fare di quella cittadella delle campionarie e degli affari che furono. E riparte il minuetto: c’è chi propone e si offre, ma magari attende un segnale e c’è chi attende proposte concrete e non si accontenta di manifestazioni d’intenti. C’è il blocco di imprenditori che auspica un bando ed è pronto a fare dell’ex Fiera, con la maiuscola iniziale ormai decaduta, un polo congressuale. Ma la proposta resta verbale. E invece la Regione la vorrebbe messa nero su bianco. Il dialogo è a distanza, ognuno aspetta che sia l’altro a fare la prima mossa. E chi è senza peccato scagli la classica prima pietra: dov’erano gli imprenditori quando il bando per provare a organizzare la «fiera salva Fiera» finiva miseramente ignorato in un cassetto? E dov’era la classe politica e amministrativa che ha atteso, atteso, atteso e poi si è ritrovata col cerino a ustionarle i polpastrelli? Sorge il sospetto che salvare la Fiera del Mediterraneo, al di là delle pie esternazioni, non interessasse davvero a nessuno. I progetti e gli obiettivi erano evidentemente altri. Adesso però è tempo che qualcuno li metta sul tavolo. In onore della Fiera che fu.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati