Diffamò magistrati di Palermo, Sgarbi condannato a Milano

MILANO. Per avere diffamato quattro magistrati di Palermo con affermazioni pubblicate da 'Il Giornale' tredici anni fa, Vittorio Sgarbi è stato condannato a Milano al risarcimento del danno morale. Ad avviare la causa erano stati i magistrati della Procura palermitana Vittorio Aliquò, Antonio Ingroia, Giovanni Di Leo e Lia Sava, accusati, tra l'altro, di "non perseguire i criminali mafiosi, ma i servitori dello Stato". Il tribunale ha ritenuto lesive quelle dichiarazioni e ha condannato il critico d'arte ed ex parlamentare a pagare, insieme al quotidiano, 15 mila euro a ciascuno dei promotori della causa. Sgarbi dovrà anche versare 5 mila euro a titolo di riparazione pecuniaria e contribuire con il Giornale a fare fronte alle spese di giudizio fissate in 14.485 euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati