Nel 2011 meno acqua alle isole Eolie

Ridotte del 10 per cento le forniture come previsto dal ministero della Difesa. Il responsabile del servizio idrico dell'arcipelago: "Se il dissalatore funzionerà a pieno regime non ci saranno problemi, ma l'impianto spesso va in tilt"

LIPARI. Saranno ridotte le forniture di acqua alle Eolie nel 2011, con un taglio del 10% come previsto dal ministero della Difesa. Nell'arcipelago saranno inviati 2 milioni di tonnellate di acqua, 200 mila in meno rispetto al 2010.    
L'acqua viene trasportata da Napoli con le navi cisterna della società "Vemar" dell'armatore Domenico Ievoli e finisce nei serbatoi dei quattro comuni eoliani di Lipari, Malfa, Leni e Santa Marina, nell'isola di Salina. Il ministero ogni anno stanzia circa 15 milioni di euro.    
"Se il dissalatore funzionerà a pieno regime - dice Riccardo Casamento, responsabile del servizio idrico - non avremo problemi. Il problema è che l'impianto è vetusto e spesso va in tilt". Il dissalatore di Lipari, pienamente funzionante, eroga 4.500 tonnellate d'acqua al giorno.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati