A Spadafora la mostra "Il sesso degli angeli"

Per l'occasione riapre il castello dopo i dannai subiti a causa dell'ultima alluvione che ha colpito la provincia di Messina

MESSINA. Ha preso il via al castello di Spadafora la mostra 'Il Sesso degli Angeli - Iconologia a stampa tra XVI e XX secolo'. La manifestazione è organizzata dal comune di Spadafora e dall'associazione culturale 'Cara Belta'' con la collaborazione della soprintendenza ai Beni Culturali di Messina.
Per l'occasione riapre il Castello di Spadafora, dopo i danni subiti a causa dell'alluvione che il 2 novembre scorso ha colpito la fascia tirrenica della provincia di Messina. La mostra 'Il Sesso degli Angeli', curata dallo studioso di tradizioni popolari Franz Riccobono e dall'etnoantropologo Sergio Todesco, è costituita da una selezione di 60 stampe della collezione Riccobono, anche di autori famosi, di un ampio periodo che va dal XVI Secolo fino agli anni Trenta del Novecento. Alcune opere sono in originale, altre sono ingrandite nelle fotografie realizzate da Domenick Giliberto e Mimmo Irrera. Aspetto originale della mostra è la rappresentazione delle figure alate con un sesso ben definito negli attributi maschili e femminili, talvolta con inequivocabili atteggiamenti di profonda sensualità.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati