Alfano nuovo presidente del Consiglio di Agrigento

Il candidato del Pdl ha vinto con 16 voti contro i 12 di Marchetta di Mpa, che nel primo sfoglio ne aveva avuto 15. "Applicherò il regolamento senza distinzione, a cominciare da me"

AGRIGENTO. Franco Alfano è il nuovo presidente del Consiglio comunale di Agrigento. Presidenza confermata dal Pdl e dal Pid, ma non solo. Per arrivare ai sedici voti che hanno permesso ad Alfano di succedere a Carmelo Callari, sono stati necessari altri due voti, forse di Forza del Sud. L’unica certezza è il modo in cui è avvenuta l’elezione del nuovo presidente, arrivata dopo una seconda votazione che ha ribaltato la prima tornata che sommava 15 preferenze in favore di Pietro Marchetta (Mpa) contro i 12 voti del medico del Pdl. I conti non tornavano perché Pdl e Pid da soli dovevano totalizzare 14 voti; e non sono tornati nemmeno nella seconda e decisiva votazione quando Alfano è salito con 16 voti contro i 12 di Marchetta.
«Adesso bisognerà capire come questi partiti si porranno nei confronti dell’amministrazione – ha detto Alfano, che ha aggiunto poi - sarò il presidente di tutti e applicherò il regolamento senza distinzione alcune, a cominciare da me».
I nuovi schieramenti di Agrigento riflettono in parte la situazione di Palermo e Roma. C’è una nuova componente Udc e un Pid fedele al partito di Berlusconi. Uno schieramento a cui si contrappongono tante piccole componenti che, solo se saranno capaci di trovare una strada comune, potranno essere determinanti.
I dettagli nell’edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati