Tentano corruzione per tenere con loro un bimbo: arrestati

In cella a Trapani due coniugi e un avvocato. Avrebbero attestato falsamente al Comune che un neonato, partorito da una ragazza, fosse loro

TRAPANI. I carabinieri di Trapani hanno arrestato due coniugi e un avvocato per alterazione di stato e tentata corruzione in atti giudiziari. L'indagine, che ha avuto input da una segnalazione dei servizi sociali, ha rivelato che il marito avrebbe attestato  falsamente al Comune che un neonato, partorito da una ragazza trapanese, era suo figlio naturale, così alterando lo stato civile del bambino. La coppia si prendeva cura del piccolo come fosse suo.     
Attraverso servizi di pedinamento, intercettazioni  telefoniche e ambientali, si è accertato, inoltre, che un avvocato trapanese, a cui, dopo l'avvio dell'inchiesta, i due  coniugi si erano rivolti per gestire gli aspetti legali della  vicenda, avrebbe tentato di corrompere, consegnando una mazzetta di 5.000 euro, il medico nominato dalla Procura di Trapani per  accertare se il bambino partorito dalla ragazza fosse  effettivamente figlio dell'uomo che se ne è dichiarato padre  naturale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati