Scontri Roma, Gasparri: serve azione preventiva

Il capogruppo del Pdl al Senato, rifacendosi al 7 aprile 1978, è dell'idea di dover dividere «chi protesta in modo pacifico dai vasti gruppi di violenti criminali che costellano l'area della sinistra»

Sicilia, Politica

ROMA. «Invece delle sciocchezze che vanno dicendo i vari Cascini e Palamara, qui ci vuole un Sette aprile. Mi riferisco a quel giorno del 1978 in cui furono arrestati tanti capi dell'estrema sinistra collusi con il terrorismo. Qui serve una vasta e decisa azione preventiva». Lo dice il capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri parlando degli scontri dei giorni scorsi a Roma. 
«Si sa - aggiunge - chi c'é dietro la violenza scoppiata a Roma. Tutti i centri sociali i cui nomi sono ben noti città per città. La sinistra, per coprire i violenti, ha mentito parlando di infiltrati. Bugie. Per non far vivere all'Italia nuove stagioni di terrore occorre agire con immediatezza. Chi protesta in modo pacifico e democratico va diviso dai vasti gruppi di violenti criminali che costellano l'area della sinistra. Solo un deciso intervento può difendere l'Italia».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati