Truffa con le marche da bollo, due arresti a Corleone

Ai domiciliari Domenico e Francesco Mancuso, padre e figlio, dipendente comunale e impiegato all’Agenzia delle Entrate. Si sarebbero appropriati dei tagliandi da apporre ai contratti

PALERMO. I carabinieri della Stazione di Corleone hanno arrestato due persone per peculato ai danni  dell'erario e falso materiale. A entrambe sono stati concessi i domiciliari. Si tratta di Domenico Mancuso, 37 anni, dipendente del Comune di Corleone, e del padre Francesco 63 anni, impiegato della sezione distaccata dell'Agenzia delle Entrate.  Si sarebbero appropriati di migliaia di marche da bollo che  dovevano invece essere allegate ai contratti stipulati dal Comune con ditte private e enti pubblici.    
Lo stratagemma utilizzato dagli indagati era semplice:  Domenico Mancuso si faceva consegnare dai responsabili delle  ditte le marche da bollo da apporre sui contratti o il  corrispettivo in denaro per acquistarle. I soldi, però,  finivano nelle tasche dell'arrestato e i contratti rimanevano  privi del tagliando che dimostrava il pagamento dell'imposta.  Una sola marca da bollo veniva incollata sulla prima pagina di  ogni contratto per eludere le verifiche; molto spesso poi veniva  falsificata dagli indagati la data di stipula per poter  registrare i contratti entro i termini di legge.     
Il padre del dipendente comunale, invece, addetto alla  registrazione e alla verifica dei contratti con la pubblica  amministrazione, cioé al controllo dei contratti depositati dal Comune, attestava la regolarità degli atti. L'indagine, che ha svelato la truffa ai danni dell'erario, ha  preso le mosse circa un anno fa dalla segnalazione di alcuni funzionari comunali che, in un periodo di ferie di Mancuso,  avevano accertato l'irregolarità di alcuni contratti. L'inchiesta, coordinata dalla Procura di Termini Imerese, ha  passato al setaccio decine e decine di faldoni e 700 contratti, tutti quelli cioé stipulati dal Comune dal 2002. Negli anni padre e figlio si sarebbero appropriati di circa 70.000 euro: il corrispettivo in marche da bollo di cui dovevano  essere corredati 519 contratti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati