Precari, approvati 11 articoli su 12

Il ddl su proroghe e stabilizzazioni verso l'ok definitivo. Ma il provvedimento è a rischio impugnativa da parte del commissario dello Stato

PALERMO. L'Ars ha approvato undici dei dodici articoli del disegno di legge sulla proroga e la stabilizzazione dei precari. Un provvedimento che è però a rischio impugnativa da parte del commissario dello Stato. Un rischio questo paventato dalla maggior parte dei deputati a causa dei paletti in materia di stabilizzazione imposti dalla normativa nazionale. Il provvedimento si compone di due 'tronconi'. Il primo riguarda i precari della Regione impegnati
in una serie di strutture: Protezione civile, Arra, Arta, ufficio Emergenza idrica, Enti Parco, Consorzi di bonifica, Camere di commercio, Cefpas. Si tratta di circa 3.500 persone (molti parlamentari, nei loro interventi, hanno fatto notare
come non vi sia un elenco numerico certo di questi soggetti), per loro si prevede la proroga di un anno, fino al 31 dicembre 2011.  
Altro discorso invece per i circa 22.500 contrattualizzati negli enti locali e negli enti sottoposti a controllo e vigilanza da parte della Regione: per loro  ci sarà intanto la proroga dei contratti (in bilancio sono stanziati fondi fino al 2012, 314 milioni l'anno) e, parallelamente, l'avvio di un percorso di 'stabilizzazione di fatto' che dovrà essere attivato dai diversi enti e prevede un rinnovo decennale, seguito da due rinnovi di cinque anni ciascuno. Di fatto, molti dei precari storici in servizio da diversi anni, in questo modo arriverebbero in servizio all'età per andare in pensione. Il testo prevede inoltre la proroga dei sussidi per i circa 3.200 persone impegnate in ASU (attività socialmente utili).
Restano ancora da approvare gli emendamenti aggiuntivi al ddl e l'ultimo articolo, il "12", che non riguarda i precari ma i fondi per i risarcimenti per i danni subiti dagli agricoltori a causa della peronospora: dei 30 milioni stanziati, infatti, ne mancano circa 9. Dopo una serie di interventi su questo punto, il presidente dell'Ars Francesco Cascio ha sospeso la seduta e convocato la riunione dei capigruppo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati