Aeroporto, niente antenna a Isola

La decisione dopo la protesta di un gruppo di cittadini. Il presidente dell'Enac Vito Riggio: "La sperimentazione verrà fatta altrove"

PALERMO. Stop alla sperimentazione dell'antenna per il controllo del fenomeno del wind-shear nell'ex base militare di Isola delle Femmine nei pressi dello scalo Falcone-Borsellino nel Palermitano. La decisione è stata presa dall'Enav dopo le proteste di un gruppo di cittadini di quel comune guidati dal sindaco Gaspare Portobello. Lo ha detto il presidente dell'Enac, Vito Riggio.
'Sto aspettando una comunicazione da parte dei vertici di Enav spa - ha aggiunto - ma e' questo il contenuto della lettera che mi è stato anticipato. Al termine della sperimentazione che durerà circa un anno e verrà compiuta in un altro sito fuori dalla Sicilia, l'antenna sarà installata obbligatoriamente a Isola delle Femmine".
Intanto il sito verrà utilizzato per altri scopi dall'Enav in base alla concessione ricevuta dalla marina militare. "Mi riservo di esaminare questa proposta anche alla luce dei contatti avuti stamattina con il ministero degli Interni - ha detto Riggio - In questo contesto lo scalo di Palermo verrà limitato nei voli in caso di segnalazione del fenomeno del wind-shear".
Ieri una cinquantina di cittadini del comitato salute e sicurezza aveva presidiando i cancelli dell'ex base militare di Isola delle Femmine (Pa) contro l'istallazione dell'antenna. I manifestanti hanno organizzato il presidio in occasione del sopralluogo dei dirigenti dell'Enav e hanno chiesto che per l'istallazione dell'antenna venga indicato un sito alternativo. "Sono preoccupato per la salute dei miei concittadini - aveva affermato il sindaco Portobello - non ci sono valori di riferimento contro le emissioni elettromagnetiche".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati