Isola delle Femmine, gli abitanti protestano contro il radar Wind Share

Una cinquantina presidiano da stamattina l'ex base militare del comune, impedendo ai tecnici dell'Enav i rilievi per l'installazione dell'antenna. Il sindaco chiede che venga indicato un sito alternativo

PALERMO. Protestano gli abitanti di Isola delle Femmine, in provincia di Palermo, contro l'installazione dell'antenna wind shear dell'Enav. Una cinquantina di cittadini del Comitato salute e sicurezza sta presidiando, infatti, i cancelli dell'ex base militare del comune per chiedere che per l'installazione dell'antenna venga indicato un sito alternativo. I manifestanti hanno organizzato il sit-in in occasione del sopralluogo dei dirigenti dell'Enav.
«Sono preoccupato per la salute dei miei concittadini - afferma il sindaco di Isola delle Femmine, Gaspare Portobello, che ha partecipato alla protesta - non ci sono valori di riferimento contro le emissioni elettromagnetiche».
I tecnici dell'Enav, a causa delle proteste, non hanno potuto accedere al sito di Isola delle Femmine dove oggi sarebbero dovuti iniziare i lavori di installazione dell'impianto radar sperimentale per il controllo del fenomeno del wind shear.
Intanto i cittadini annunciano che la protesta proseguirà. «Da stamattina - dice il segretario del Comitato salute e sicurezza di Isola delle Femmine, Roberto Falletta - abbiamo deciso di fare un presidio permanente davanti alla base».
Il presidente dell'Enac, Vito Riggio, ha ribadito che l'Enav si riserva di sperimentare ulteriori tentativi per l'installazione dell'antenna, provando - a quanto si apprende - a chiedere l'assistenza della forza pubblica. L'altra ipotesi sarebbe quella di eseguire la sperimentazione in un altro aeroporto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati