L'Inter ad Abu Dhabi, Benitez conta sui recuperi

Il mondiale è l'ultima spiaggia per lo spagnolo. Previsto il rientro di Maicon, Chivu e Julio Cesar

MILANO. Le cinque ore e mezzo di viaggio in aereo sono state tranquille. La speranza dell'Inter, e soprattutto di Rafa Benitez, è che lo siano altrettanto i prossimi otto giorni sotto il sole di Abu Dhabi. Squadra e allenatore hanno un solo risultato utile: vincere la semifinale e poi portare a Milano il trofeo del Mondiale per Club, che nella bacheca nerazzurra manca da 45 anni.       
Eppure Benitez è partito sapendo che potrebbe non bastare. L'ultimo saluto con Massimo Moratti alla vigilia del viaggio non é stato caloroso. Nel rapporto ci sono crepe forse difficili da rimarginare. Si rivedranno prima della semifinale di mercoledì, quando il presidente raggiungerà negli Emirati la squadra, atterrata ad Abu Dhabi ieri pomeriggio assieme al direttore tecnico Marco Branca e all'amministratore delegato Ernesto Paolillo. Benitez ha portato con sé 23 giocatori, più Coutinho e Obi, che proseguiranno il recupero dai rispettivi infortuni negli Emirati; e Biraghi, che Benitez ha scelto come primo sostituto in caso di infortunio a uno dei compagni.  Oggi è in programma il primo allenamento, e ovviamente, vista la messe di guai fisici degli ultimi mesi, in casa Inter si sprecano gli scongiuri. Anzi, Benitez spera di recuperare i molti acciaccati. A partire da Maicon che, secondo il suo agente Antonio Caliendo, "si è allenato con grande intensità per arrivare in forma a un appuntamento storico e sarà disponibile". Anche Chivu dovrebbe essere già pronto per la semifinale, mentre il recupero di Milito e Julio Cesar potrebbe slittare alla finale di sabato prossimo.       
In tribuna per l'epilogo del Mondiale per club ci sarà Fabio Capello. "Il suo viaggio ad Abu Dhabi era programmato da tempo e non è assolutamente da collegare alla situazione nerazzurra - ha frenato Pierfilippo Capello, figlio e agente del ct dell'Inghilterra -. Ho parlato ieri con mio padre e non mi ha riferito nessun sondaggio di altro club". Il dubbio era venuto, perché a scommettere ora su un lungo futuro interista per Benitez si rischia molto.       
Con o senza Benitez, a gennaio la società si muoverà per rinforzare una squadra che è più vecchia di un anno rispetto a quella del 'triplete', in estate ha perso il talento di Balotelli senza rimpiazzarlo a dovere. Lunedì potrebbe essere sancito il divorzio fra Antonio Cassano e la Sampdoria: il talento barese attira gli uomini di mercato nerazzurri, anche se ci sono dubbi sui difetti di comportamento e sull'età. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati