"Le condotte sottomarine sono irregolari": chiesti 4 rinvii a giudizio

Sotto inchiesta della Procura di Gela l'ex amministratore delegato della Raffineria e tre funzionari delle ditte Saipem Spa e Cns

GELA. La Procura di Gela ha chiesto il rinvio a giudizio dell'ex amministratore delegato della Raffineria di Gela e di tre funzionari delle ditte Saipem Spa e Cns, nell'ambito di un'indagine condotta dalla Capitaneria di Porto sulla condotta sottomarina realizzata per il trasferimento di greggio dal campo boe ai serbatoi della Raffineria. L'accusa contestata ai quattro dirigenti è di false attestazioni in concorso per indurre pubblici ufficiali al collaudo e al rilascio di autorizzazioni in assenza di presupposti, nonchè di occupazione abusiva di suolo demaniale marittimo. La conduttura sottomarina, lunga 3,4 chilometri, in base al progetto approvato doveva essere completamente interrata per 1-2 metri sotto il fondo marino. La Guardia Costiera di Gela avrebbe invece accertato, anche attraverso immersioni subacquee, che la linea sottomarina era invece interrata solo per piccoli tratti e mai alle quote previste, in contrasto con la documentazione tecnica prodotta dalla Raffineria e dalle ditte che avevano eseguito i lavori.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati