Un mega-porto per Lipari

La “Lipari Porto spa”, con 540 posti barca, pontile e 239 parcheggi, è pronta a investire 130 milioni di euro per cinque piani per la riqualificazione delle strutture esistenti

LIPARI. Presentato nei giorni scorsi il megaprogetto per il porto di Lipari, nelle isole Eolie. La "Lipari Porto Spa", costituita al 70 per cento da Condotte d'Acqua e al 30 per cento dal Comune di Lipari, ha illustrato il piano. Ma non sono mancate le polemiche.
La “Lipari Porto Spa” mette sul piatto oltre 130 milioni di investimento per i cinque progetti per la rifunzionalizzazione e riqualificazione delle strutture esistenti (Marina Corta, Sottomonastero, Marina Lunga, Bagnamare, Pignataro): 540 posti barca in totale, gratis per la marineria locale, con banchine i cui muraglioni, saranno alti 2 metri e 30 dal piano di calpestio.
E' previsto anche un edificio da realizzare sotto la salita San Giuseppe, a Marina Corta, per consentire a pescatori e barcaioli di sistemare le loro attrezzature al riparo. E ancora, sempre a Marina Corta, un pontile galleggiante lungo la scogliera del castello di fronte il molo lato nord. Un'altra novità rispetto ai progetti di due anni fa è rappresentata da Bagnamare: una passeggiata a mare da e per Pignataro, con 239 parcheggi pubblici lungo la litoranea al centro della quale nascerà un centro di talassoterapia e altri edifici o box commerciali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati