“Si appropria dei soldi dei clienti”: arrestato impiegato postale

Francesco Consiglio, 50 anni, lavorava allo sportello dell’ufficio di Capaci, in provincia di Palermo. I carabinieri lo hanno sorpreso grazie alle videocamere

PALERMO. I carabinieri hanno arrestato in flagranza, per furto e peculato, Francesco Consiglio, 50 anni, impiegato insospettabile che da anni lavorava allo sportello dell'ufficio postale di Capaci, in provincia di Palermo. Secondo gli inquirenti si sarebbe appropriato di decine di migliaia di euro di clienti e correntisti: una stima provvisoria perché l'ammontare del 'buco' non è stato ancora definito.    
Le vittime dell'uomo sarebbero state principalmente anziani. La vicenda è venuta fuori qualche settimana fa, quando una risparmiatrice che era andata a riscuotere i buoni fruttiferi, ha notato che gli interessi erano inferiori rispetto a quelli che aveva incassato in precedenti operazioni. Alle indagini ha collaborato la direzione delle Poste. Le videocamere dell'ufficio hanno ripreso l'impiegato quando, alla fine della giornata di lavoro, dopo aver effettuato la chiusura della cassa, nascondeva somme di denaro per poi conservarle nel portafogli. Nel corso di una perquisizione effettuata nella postazione del dipendente è stata trovata una banconota da 100 euro palesemente falsa e ben nascosti tutta una serie di documenti, codici segreti, ricevute, libretti postali di clienti che fanno pensare che Consiglio abbia commesso altri reati. Infine l'impiegato si sarebbe impossessato di somme dell'ufficio commettendo anche il reato di peculato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati