Ladri d’acqua, ma sono così poveri che le guardie li aiutano

Giro di vite di Caltacqua contro gli abusivi. Ma in alcuni casi scoperte condizioni di vita difficili segnalate ai servizi sociali

CALTANISSETTA. Si erano recati nella loro casa per disattivare gli allacci abusivi alla rete idrica, ma i tecnici e gli operai di Caltacqua hanno desistito quando hanno visto in che condizioni la famiglia viveva. In un minuscolo appartamento del centro storico vivevano in otto, madre e sette figli, in una condizione davvero difficile. Così i tecnici, accompagnati dai carabinieri per procedere alla disattivazione di uno dei tanti allacci abusivi, hanno sospeso la procedura. Inoltre, hanno anche raccolto una piccola somma di denaro per aiutare quella famiglia in difficoltà. Resta il fatto che in città, da una settimana, è partita una caccia agli abusivi, ovvero coloro che non hanno pagato mai il canone e non hanno nemmeno contatori. Cinquanta i casi già accertati e gli impianti da disattivare, anche se una parte di questi sono motivati da condizioni di vita quasi disumane. Maggiori dettagli sul Giornale di Sicilia oggi in edicola.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati