A Palermo divieto pettinarsi in strada per norme del 1935

Norme antistoriche nel Regolamento di polizia urbana di 75 anni fa, previsto anche l'obbligo di museruola per le capre. La Fondazione Rosselli chiede revisione

PALERMO. A Palermo vige l'obbligo di museruola per le capre, il divieto di pettinarsi "in vista del pubblico", di battere tappeti per strada. E ancora il divieto di serenate, quello di portare i cani a Villa Giulia e al Giardino Inglese e l'obbligo per i venditori di ghiaccio di "presentarsi alle richieste degli avventori a qualsiasi ora del giorno e della notte".
Sono alcune delle norme del regolamento di polizia urbana del Comune di Palermo stilato nel 1935, oggetto di uno studio del centro Det della Fondazione Rosselli, che nel corso di una conferenza stampa a Palermo ne ha illustrato il contenuto insieme alla necessità di revisione. Il regolamento contiene norme anacronistiche, inapplicabili, ma ancora in vigore, che riportano ad una Palermo antica dove ci sono ancora i lustratori di scarpe, i barcaioli, i servitori di piazza e gli animali vengono tosati e imbrigliati nelle piazze.
"La città si deve dotare un regolamento moderno - dice il direttore del Det Alessandro Palmigiano - e come Fondazione siamo disposti a collaborare con l'amministrazione comunale a titolo gratuito per dotare la città di uno strumento necessario a regolare il vivere comune, come hanno fatto Torino, Firenze e per restare in Sicilia, il comune di Trabia".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati