Vedova Ciancimino, vuoti di memoria al processo De Mauro

PALERMO. E' durata meno di mezz'ora e ha portato solo modesti contributi la deposizione di Epifania Scardino, vedova di Vito Ciancimino, al processo per la scomparsa del giornalista Mauro De Mauro. La donna era stata convocata per confermare le dichiarazioni del figlio Massimo il quale avrebbe saputo dal padre che la scomparsa del giornalista (16 settembre 1970) fosse collegata all'uccisione del procuratore Pietro Scaglione del 5 maggio 1971. Spesso ha detto di non ricordare anche particolari di cui pure aveva parlato con i pm. E solo dopo la lettura di brani dei verbali ha finito per confermare soprattutto l'amicizia con la famiglia Scaglione e con quella del notaio Luciano Ferrauto. Era quella, ha detto, una comitiva che si ritrovava nelle lunghe passeggiate "che tanto piacevano a Scaglione" nelle cene e perfino nelle vacanze estiva soprattutto a Montecatini. Tra i pochi ricordi certi di Epifania Scardino c'é la serata del 20 luglio 1969 di cui ha parlato il figlio Massimo, trascorsa in casa del procuratore Scaglione per seguire in tv lo sbarco sulla luna. Scaglione e Ciancimino si erano visti fino a un paio di giorni prima dell'agguato. Dopo il delitto l'ex sindaco, ha ricordato la moglie, scoppiò a piangere e si chiuse nello studio per due giorni. "Non lo avevo mai visto piangere in questo modo. Diceva che gli assassini si erano comportati come bestie", ha detto la vedova. I vuoti di memoria non hanno consentito a Epifania Scardino di aggiungere particolari o confermare il racconto del figlio sulle frequentazioni del marito con Totò Riina e Bernardo Provenzano.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati