Processo "Iron tower", Pm chiede 5 anni e 4 mesi per Candela

PALERMO. Il procuratore Ignazio De Francisci ha chiesto la condanna a cinque anni e quattro mesi per Pietro Candela, originario di Torretta (Palermo), accusato di traffico
internazionale di stupefacenti nell'ultimo stralcio del processo "Iron Tower", una maxi inchiesta sulla droga condotta negli anni Ottanta fra l'Italia e gli Stati Uniti.        L'inchiesta, coordinata da Giovani Falcone, scattò contemporaneamente in Sicilia e negli Usa il primo dicembre 1988 e portò all'arresto di un centinaio di trafficanti e di
corrieri di eroina. 
Candela, assistito dall'avvocato Carlo Ventimiglia, è già stato condannato negli Usa a cinque anni perché accusato di "conspiracy", associazione per delinquere finalizzata al
traffico di droga. Candela, che aveva collaborato con i detective americani della Dea e del Fbi, è libero negli Usa dopo avere scontato la pena. De Francisci non ha contestato a Candela l'associazione a delinquere per intervenuta prescrizione.                                    Il processo è stato rinviato al 12 gennaio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati