Lombardo scrive a Berlusconi: "Facciamo ripartire le infrastrutture"

Nelle due pagine inviate al premier, il presidente siciliano elenca le opere "che si sarebbero potute realizzare da tempo e la cui realizzazione, viceversa, non è mai stata avviata non certo per inadempienza della Regione". Le autostrade Palermo-Agrigento e Ragusa-Catania in primo piano

PALERMO. "E' arrivato il momento di far ripartire l'infrastrutturazione dell'isola ad iniziare dai cofinanziamenti Cipe - Regione siciliana per strade ed autostrade, prima fra tutte la Catania - Ragusa". Lo dice in una lettera inviata al primo ministro, Silvio Berlusconi, e al manager dell'Anas, Pietro Ciucci, il presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo.  Lombardo chiede un incontro urgente al governo nazionale per discutere di strade e autostrade siciliane, "al fine di definire ogni questione controversa, nell'interesse dei cittadini siciliani e dell'intera collettività nazionale".   Nelle due pagine inviate a Berlusconi, il presidente siciliano elenca le opere "che si sarebbero potute realizzare da tempo e la cui realizzazione, viceversa, non è mai stata avviata non certo per inadempienza della Regione siciliana". Lombardo sottolinea come la Sicilia "parrebbe essere l'unica regione italiana che non è riuscita a sottoscrivere con il governo nazionale l'aggiornamento dell'Intesa generale quadro per le infrastrutture".


Nel documento trasmesso al governo nazionale e all'Anas vengono indicate alcune di queste opere, ritenute strategiche per l'infrastrutturazione della Sicilia: il completamento stradale della Palermo - Agrigento (386 milioni), l'interramento del Nodo ferroviario di Catania (495 milioni), il collegamento della tratta urbana della Circumetnea sino all'aeroporto di Fontanarossa (90 milioni già disponibili, occorre aggiungerne altri 335), il collegamento autostradale tra lo svincolo di Birgi e il centro abitato di Mazara del Vallo (368 milioni) e, infine, i 3 lotti della Nord-Sud itinerario Santo Stefano di Camastra -Gela. Un capitolo intero della lettera inviata a Palazzo Chigi è dedicato all'autostrada Ragusa-Catania. Lombardo ricorda la cronologia degli atti relativi a questa opera, ritenuta dal governo siciliano "una assoluta priorità" e chiede che vengano assicurate le migliori condizioni di fruizione, anche economica, per i cittadini delle aree interessate.     Il Presidente della Regione, nel ribadire come l'amministrazione siciliana "si sia impegnata, con 217 milioni di euro, a coprire il 60 per cento della quota pubblica, ritiene non sia possibile accettare di ridurre il ruolo della stessa regione a quello di soggetto meramente finanziatore".   


"Proprio quello che è accaduto il 22 luglio di quest'anno - spiega Lombardo - quando, senza alcun preavviso, è stato posto all'ordine del giorno del Cipe, per il giorno successivo, lo schema di convenzione e costruzione dell'autostrada Ragusa -Catania, non ponendo, quindi, la Regione siciliana in condizione di potere esprimere le proprie valutazioni". Lombardo ribadisce come la Regione siciliana sia "immediatamente pronta al confronto" per la Ragusa - Catania. Per questo Lombardo chiede di riavviare il dialogo in sede Cipe, proprio perché "in quella sede, preliminari sono la conoscenza e la verifica - possibilità a tutt'oggi non consentite - delle condizioni e degli elementi fondanti la procedura di affidamento prescelta (finanza di progetto), per accertare se la stessa,   non trasferisca sui cittadini utenti il costo finale, mediante l'esazione di pedaggi che potrebbero dare luogo a un costo sociale oltremodo esoso".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati