"L'Albergheria si racconta" tra le vie del quartiere

Una mostra e quattro itinerari per la riscoperta del rione palermitano. Tappa finale il mercato di Ballarò, per comprendere meglio la storia dell'Isola

PALERMO. Un fine settimana dedicato alla riscoperta di un quartiere. "L'Albergheria si racconta" in una mostra e attraverso quattro itinerari per coinvolgere i visitatori in un lento cammino alla ricerca di una lettura storica del quartiere.
I quattro itinerari partono dalla piccola chiesa medievale di S. Cristina la Vetere, antica cappella normanna riaperta dopo 60 anni di chiusura, ubicata all’interno del Vicolo dei Pellegrini, chiamato così perché da quella strada un tempo passavano i pellegrini per raggiungere i luoghi più sacri della cristianità. Proprio Santa Cristina, nel 1600, venne eletta patrona del quartiere Albergheria, quando la via Maqueda tagliò in quattro parti la città.
Ciascun itinerario si snoda all’interno del quartiere Albergheria, consentendo la visita dei beni monumentali, nonchè delle mostre e degli eventi in essi ospitati in questi giorni orientati proprio alla valorizzazione del quartiere. Tappa finale di ogni itinerario sarà il cuore del quartiere: il mercato storico di Ballarò, il più antico della città.
Inoltre, durante la visita, sarà possibile degustare il “biscotto del pellegrino” un biscotto a lievito a forma di S, ottenuto da un’antica ricetta. Dei percorsi, quindi, creati per scoprire anche la gastronomia dell'Isola. Durante la visita del mercato, infatti, si potranno degustare ed acquistare prodotti tipici della cultura siciliana locale (ad esempio il panino con la milza o il cannolo), arricchita inoltre dalla presenza di prodotti legati alle diverse etnie presenti nel quartiere. La passeggiata per le bancarelle del mercato, tra le "abbainate" dei venditori (i loro chiassosi richiami) e gli odori dei prodotti tipici, potrà essere dunque l’occasione per esplorare, attraverso la gastronomia, non solo la storia del quartiere ma anche dell’isola, una storia fatta non da grandi uomini ma da uomini della strada.
I percorsi, proposti dall'associazione Culturale Itimed, potranno essere effettuati venerdì 3 dicembre e sabato 4 (dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 16.00 alle 19.00) e domenica 5 (dalle ore 10.00 alle 13.00).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati