Sirigu: restiamo coi piedi per terra

Il portiere del Palermo: "La gente fa bene a sognare, ma noi giocatori non dobbiamo illuderci. Il futuro? Sto bene qui"

SESTO SAN GIOVANNI. Dopo la vittoria con la Roma che ha portato il Palermo al sesto posto a pari merito con l'Inter, Salvatore Sirigu evita ogni proclama. "L'anno scorso ho vissuto un periodo analogo in cui andava tutto bene e si parlava di scudetto e Champions - ricorda il portiere rosanero -, bisogna fare sognare la gente ma noi giocatori dobbiamo restare con i piedi per terra".
"Di sicuro possiamo giocarcela con chiunque ma ci manca ancora la continuità delle grandi squadre - spiega Sirigu a margine della consegna del Premio Torretta -. Noi puntiamo ad arrivare a ridosso delle grandi".  
Sirigu glissa sulle proteste del presidente Maurizio Zamparini, che minaccia di lasciare il calcio. "Episodi palesi ci hanno penalizzato, ma gli errori arbitrali fanno parte del calcio, ci accontentiamo e andiamo fieri dei punti che abbiamo conquistato sul campo", assicura il portiere del Palermo, che ignora ogni voce di mercato: "Sto benissimo qui: gioco con continuità e non ho intenzione di muovermi".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati