Salvo Piparo e la liberazione di Palermo

Il più giovane cuntista siciliano in scena nei panni di Garibaldi. L'appuntamento il 4 e 5 dicembre

PALERMO. "Ispirazione del caso" è il nuovo spettacolo scritto e diretto da Salvo Piparo. Andrà in scena il 4 e 5 dicembre alle 21 al teatro Ditirammu (via Torremuzza, 6 a Palermo). In realtà l'ispirazione è ben precisa. Si tratta di un puzzle ispirato da cunti, una forma antica di racconto in cui il cuntista affida, esclusivamente, alle sue capacità affabulatorie la messa in scena di storie avventurose e cavalleresche, e storie antiche. Attraverso una narrazione fantasiosa, Salvo Piparo,  riesuma le vicende della liberazione di Palermo, con una lente surreale sulle gesta del grande compagno Garibaldi e dei suoi valorosi Mille, evoca il suono assordante dell’inizio della battaglia o l’urlo funesto della fine dei vinti.
L’ironia intessuta dai colori del linguaggio siciliano diventa una maniera originale di ricordare il carismatico eroe Giuseppe Garibaldi.
Si passa poi al cunto del valoroso Orlando raffigurato come una "pupaccena" tradizionale. La storia, mantiene l’aspetto epico della guerra tra pagani e cristiani, narrata da Ariosto. Il racconto delle valorose gesta del giovane Orlando, si unisce con maestria alle battaglie e agli incantesimi dell'amore per la bella Angelica, che infine, come da copione, sceglierà di fuggire con Medoro, l’aitante musulmano, causando l'ira e la conseguente follia di Orlando.
E poi ancora piccole strofe tratte dall’opera di Salvo Licata e da quella del coraggioso poeta di strada palermitano Peppe Schiera.
I colori e l'ironia del dialetto siciliano rendono unico il modo di ricordare i grandi personaggi della storia, il tutto accompagnato dal canto del "cantalanotte" Totò Funarò. Una splendida luna, rappresentata dalla ballerina Diletta Giannola, chiuderà la scena dentro una magica aurea di poesia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati